Aziende, parole, identità

“In principio era l’emozione”. Louis Ferdinand Céline pronuncia questa frase durante un’intervista; sa bene che “In principio era il verbo” non basta, prima c’è l’emozione, ciò che mette in moto, perché le emozioni servono per comunicare agli altri le nostre reazioni e a comprendere il cambiamento che sentiamo in noi stessi quando ci emozioniamo.

Kahlil Gibran scrive che “l’aspetto delle cose varia secondo le emozioni, e così noi vediamo magia e bellezza in loro, ma, in realtà, magia e bellezza sono in noi”.

Comunicare la personalità dell’azienda è una sfida per ognuno di voi.
Parole di uso quotidiano, tono di voce, idee: sviluppare una narrazione aziendale aiuta a creare conversazioni, dunque contatti coinvolgenti.

A volte le parole servono per condividere fatti e notizie, altre per raccontare storie.

Tutte le parole dell’azienda servono per incoraggiare clienti, fornitori, dipendenti e investitori a condividere e creare insieme a voi nuove soluzioni, a personalizzare le idee, perché i prodotti e i servizi che costruiscono la vostra reputazione sono sviluppati insieme a loro.

La buona scrittura richiede tempo. Che sia per una brochure, per contenuti digitali, di marketing o comunicazione interna, richiede tempo e conoscenza delle regole. Oltre a questo, per chi scrive è necessaria la conoscenza profonda delle organizzazioni. Il business writer ascolta, individua i punti fondamentali, le motivazioni che sono alla base dell’impresa. La scrittura aiuta a sviluppare l’identità aziendale, il brand, e ispira il cambiamento.

Le parole che usate e il tono di voce sono elementi distintivi del vostro marchio. Ma la maggior parte delle aziende non pensano alle parole e al linguaggio come un elemento distintivo e di riconoscibilità: lo considerano accessorio. Credono alla scrittura aziendale in modo superficiale e non danno troppa importanza alla scelta di parole e linguaggi precisi. Date un’occhiata al vostro marchio: che risorse linguistiche distintive ha?

Le parole sono elementi distintivi tanto quanto le immagini. Trasformare le idee in messaggi e  conversazioni coinvolgenti: questo è il compito di chi scrive per le aziende. E tutto avviene attraverso l’uso di un linguaggio specifico. Informare, coinvolgere, ispirare: si può scrivere da capo o modificare, ciò che conta è farlo con la voce giusta.

Di fronte alla necessità di scrivere testi professionali che siano la traduzione migliore possibile dell’identità aziendale si dice spesso: manca il tempo, non c’è tempo, oppure i tempi sono strettissimi … Dunque non c’è tempo per scrivere meglio, in modo più preciso e appropriato, non è così importante trovare il tono a ciò che vogliamo dire.

Per quanto mi riguarda spero di avere sempre la forza di scrivere al meglio e magari, con il tempo, anche di migliorare ciò che è già stato scritto e pubblicato.