Ma a Facebook sognano pecore elettriche?

M

La notizia è che Facebook licenzia i giornalisti e affida le notizie della sezione Trending solo all’algoritmo.

Il titolo del mio post prende spunto, è evidente, dal romanzo di Philip K. Dick – Ma gli androidi sognano pecore elettriche? – al quale Ridely Scott si è ispirato per il film Blade Runner.

Consiglierei a tutti la lettura del romanzo, e inviterei a riflettere su decisioni come queste, che svelano un paradosso: Facebook è uno strumento per la condivisione di stati d’animo, ma lascia la scelta di titoli e selezione delle notizie a un algoritmo, per rendere imparziale il lavoro. Nell’articolo del Corriere della Sera trovate la storia completa.

Dunque, ecco cosa accade: la società che si occupa di sviluppare contatti e conoscenze umane decide di utilizzare un algoritmo per scegliere titoli e notizie della sezione Trending e interrompe la collaborazione con le persone che li scrivevano. La domanda potrebbe essere: gli androidi sono fra noi, non lo sapevate? E gli androidi sognano? E se sognano, sognano pecore elettriche? Oppure sognano pecore vere, naturali? Oppure: l’essere umano desidera a tal punto il distacco da se stesso, tanto da sognare di affidare tutto a una macchina?

Potrebbe essere: dietro un robot c’è forse un uomo troppo stanco, che non conosce o non vuole più riconoscere sogni ed emozioni, e preferisce la fredda efficienza delle sue azioni.

Il fatto è che in questo caso l’efficienza è tutta da provare.

L’algoritmo di Facebook assicura la neutralità nella scelta di titoli e notizie?
La risposta degli studi in materia è no. I pregiudizi sarebbero presenti anche nella scelta degli algoritmi (cit. dall’articolo del Corriere della Sera del 27 agosto 2016 a firma di Martina Pennisi).

Il paradosso si allarga: le notizie, dunque l’empatia e le emozioni umane sono manipolate da una macchina che sceglie al posto di un essere umano, e anche se è stato l’essere umano a programmare la macchina rimane il fatto che i giornalisti sono stati licenziati e con loro la capacità umana di trasmettere empatia.

Forse un giorno, lontano dalla terra, l’ultimo uomo proverà nostalgia per se stesso, per ciò che riusciva a immaginare, e magari si ricorderà delle parole che un giorno Philip K. Dick scrisse:

“La base per la manipolazione della realtà è la manipolazione delle parole. Se si riesce a controllare il significato delle parole è possibile controllare le persone che le devono usare”

By stefanosandri

Archivi

Articoli recenti

Categorie

Questo sito usa i cookie. Se sei d'accordo chiudi e continua a leggere, oppure approfondisci

Questo sito non raccoglie o condivide le informazioni personali. Non seguiamo i tuoi movimenti né tracciamo il tuo profilo. L’uso dei cookie è necessario per l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. I cookie possono essere limitati o bloccati modificando le funzioni del proprio programma di navigazione. Cliccando su "CHIUDI" ne permetti l'utilizzo. Nel browser Google Chrome, il menu Strumenti contiene l’opzione Cancella dati di navigazione. Puoi utilizzare questa opzione per eliminare i cookie e altri dati di siti e plug-in, inclusi i dati memorizzati sul tuo dispositivo da Adobe Flash Player.

CHIUDI